• a cura di Gianna Piantoni

ISBN: 978-88-8016-261-2
Categoria:

FILIPPO BIGIOLI
e la cultura neoclassico-romantica
tra le Marche e Roma

a cura di Gianna Piantoni

26,00

Quantità:
Sfoglia la lista dei desideri
Mostra importante, antologica e finalmente riassuntiva su un artista fino ad oggi sottovalutato nel panorama figurativo del primo Ottocento tra Roma e l'Italia centrale. Di formazione maceratese come il suo più noto compagno di avventure artistiche Aleandri, fu con lui a Roma giovanissimo per studiare all'allora notissima Accademia delle Belle arti di Canova. È in questa sede, e ancora più sollecitato dagli insegnamenti dell'Accademia di San Luca che Bigioli perfeziona il suo stile purista che lo porterà a ricevere l'importantissima committenza della decorazione a fresco del Palazzo Torlonia a Roma, in particolare la notissima "Alcova".
La sua attività di decoratore prosegue a Roma su tutta la prima metà del secolo affiancata a opere di soggetto religioso per chiese romane e marchigiane.
La mostra, che si è svolta nel 1998, si avvaleva di più di 150 pezzi, tra affreschi staccati, olii, bozzetti e disegni, creava l'occasione di un 'importante momento di revisione sull'arte italiana delle grandi committenze nel XIX secolo'.
formato 24 x 30, brossura, pp. 176, 104 col., 104 b/n
catalogo San Severino Marche 1998

“FILIPPO BIGIOLI
e la cultura neoclassico-romantica
tra le Marche e Roma”

Ancora non ci sono recensioni.